Home Chi sono

Contatti

   

Email: bernardi.luca86@alice.it

Skype:
lucas4168



UNO SCRIGNO PIENO DI SOGNI



JESI: LA MIA CITTÀ
L'ARTE DELLA CUCINA
POESIE e DEDICHE
GIOCHI

STEMMA DI JESI

Il 4 giugno del 1497 la municipalità jesina deliberò di far scolpire in sul marmo un leone rampante e coronato da collocare nel tabernacolo del Palazzo della Signoria, sopra la porta principale. Michele e Alvise da Milano, incaricati di realizzarlo, si impe-gnarono a scolpire uno bello, polito et magnifico lione, arme della magnifica comunità de la città de Esi, in una pietra buona de perfectione, delle migliori che se ne trovano de quelle de Histria, la quale pietra sia ad minus de sei piedi, bianca et lustra da resistere ad jaccio; il tutto al prezzo di 160 fiorini e 20 bolognini. (Fonte: Giuseppe Luconi  e Paola Cocola, Conoscere Jesi - Guida alla conoscenza delle persone e delle cose, della storia e delle tradizioni della tua città, 2007)

EVENTI
SAN SAVINO LINKING FESTIVAL

1 OTTOBRE 2016

VALLESINA MARATHON

20 NOVEMBRE 2016

III Edizione 29 Settembre 2012 (video)

II Edizione 9 Ottobre 2011 (video)

I Edizione 22 settembre 2010 (video-foto)
JESI: LA MIA CITTÀ
Scopri la storia della leggendaria e antica Jesi



Ho creato questo video per dimostrare l'affetto che ho per la mia città e la sua storia


In occasione del Ventennale del Palio di San Floriano di Jesi, il Comitato Storico Scientifico mi ha concesso l'onore di partecipare, con questo video, al convegno "Federico II e Jesi tra mito e realtà" che si è svolto il 7 maggio 2015 presso la Chiesa di San Nicolò in Jesi. Realizzazione e montaggio video a cura di Luca Bernardi e Daniele Z.



JESI
Situata nella bassa valle dell'Esino, si estende su una superficie di 107,72 chilometri quadrati, ad un'altitudine di 96 metri sul livello del mare. Ha origine molto remote. Leggenda vuole che nel IX secolo a.C., al tempo delle immigrazioni elleniche sulle coste italiane, un gruppo di Pelasgi si stabilisse da queste parti e il loro re, Esio, chiamasse con il suo nome il nuovo villaggio e il vicino fiume. Storici e studiosi ritengono più verosimilmente che la fondazione di Jesi sia dovuta ad una immigrazione di Umbri: il fiume Esino avrebbe segnato la linea di confine tra il Piceno a sud e l'Umbria marittima a nord. In seguito Jesi subì l'invasione dei Galli Senoni, quindi, per la sua posizione strategica passo obbligato per i traffici verso il Tirreno), divenne un importante presidio militare di Roma. Fu colonia romana aggregata alla tribù velina, governata da un preside. Assunse allora la fisionomia di un centro ricco e architettonicamente sontuoso. Con lo sfascio dell'impero romano, anche le bellezze della Jesi imperiale e la sua fiorente economia finirono travolte  dalla furia dei nuovi invasori: Goti, Unni, Vandali, Eruli, Ostrogoti dilagarono anche nella Vallesina. Sotto Giustiniano, Jesi si trovò inclusa nella dodicesima provincia bizantina detta Pentapoli annonaria, in compagnia di Urbino, Fossombrone e Cagli. Poi non sfuggì alla calata dei Longobardi, finché, dopo l'intervento dei Franchi, entrò a far parte dello Stato della Chiesa. Intanto si faceva strada l'opera dei Benedettini, che dettero un decisivo impulso anche alla rinascita della Vallesina. Secondo la tradizione, Jesi nell'anno 847 fu distrutta dal terremoto; i superstiti trovarono rifugio in contrada Terravecchia, fuori delle antiche mura, attorno alla chiesa di San Nicolò, allora intitolata a San Salvatore. Gli jesini tornarono nell'antica sede un secolo più tardi per sfuggire alle incursioni dei Saraceni che minacciavano le coste della penisola. Attorno al 1150 Jesi si costituì in Libero Comune, estendendo la sua autorità anche su territori e Castelli vicini: nasceva così il Contado di Jesi. Favorita anche dalla protezione di Federico II, qui nato nel 1194, l'espansione territoriale di Jesi fu rapida: in meno di cinquant'anni la magnifica repubblica esina estese la sua giurisdizione su tutta la Vallesina, dalla Gola della Rossa al mare. Le popolazioni del Contado dovevano testimoniare la loro sudditanza intervenendo ufficialmente ogni anno, il 4 maggio, alla cerimonia della presentazione del Palio di San Floriano nella piazza principale di Jesi. Gli interessi di Jesi finirono, inevitabilmente per scontrarsi con quelli di Fabriano, Senigallia e soprattutto Ancona. Il conflitto, per ragioni di confine, fra jesini e anconitani si protrasse per due secoli e mezzo: la battaglia di Camerata fu la più sanguinosa. Il possesso di Jesi diventò poi oggetto di conflitti tra le maggiori famiglie locali, in particolare tra i Baligani e i Simonetti. Di questa situazione approfittarono potenti famiglie italiane che imposero la loro signoria su Jesi: prima i Malatesta, poi Braccio da Montone, quindi Francesco Sforza. Tornata sotto la Chiesa, nel 1585 Jesi ottenne da Sisto V di avere un proprio governatore e di reggersi con un'amministrazione, almeno formalmente, autonoma. E da questo momento la sua storia si identificò sostanzialmente con quella dello Stato pontificio, fatta eccezione per il periodo napoleonico che, nel 1808, segnò la fine del Contado e dell'antico e glorioso Libero Comune di Jesi. (Fonte: Giuseppe Luconi  e Paola Cocola, Conoscere Jesi - Guida alla conoscenza delle persone e delle cose, della storia e delle tradizioni della tua città, 2007)

JESI CITTÀ REGIA

Molinelli Raffaele
Nato a Jesi il 10 dicembre del 1921, laureato all'Università di Urbino, insegnò storia e filosofia al Liceo Classico e Scientifico di Jesi dove divenne preside negli anni Sessanta fino al 1972. Fu quindi Ordinario all'Università di Urbino: prima alla Facoltà di Magistero e poi alla facoltà di Lettere e Filosofia. Eletto preside di Facoltà nel 1991 fu confermato fino al collocamento a riposo nel 1998. Studioso della storia delle classi sociali in Italia e dei loro partiti, ha pubblicato saggi sulle oligarchie cittadine in età moderna, sulle classi dirigenti e quelle popolari dopo l'Unità, sul movimento cattolico e quello repubblicano nelle Marche. Tra le numerose pubblicazioni: Il movimento cattolico nelle Marche (1959).
I repubblicani in una città delle Marche (1966), Una città delle Marche dopo il 1860 (1971), I nazionalisti italiani e l'intervento (1973), Un'oligarchia locale nell'età moderna (1976), Città e contado nella Marca pontificia in età moderna (1984). E tanti i riconoscimenti: Premio Marche (1960), Premio della Accademia Nazionale dei Lincei (1969), iscrizione nell'Albo d'oro del Ministero della Pubblica Istruzione (1969), Pre-mio Provincia di Ancona (1973), cittadino benemerito di Jesi (1990), Premio Amici di Paul Harris del Rotary Club (1996). E' morto il 29 maggio del 2005. (Fonte: Giuseppe Luconi  e Paola Cocola, Conoscere Jesi - Guida alla conoscenza delle persone e delle cose, della storia e delle tradizioni della tua città, 2007)

NEWS e LINKS
EVENTI
STORIE PER RIFLETTERE
LEGGI e DIRITTI

Tutti i contenuti di queste pagine appartengono ai rispettivi proprietari. L'eventuale riproduzione totale o parziale senza consenso esplicito del rispettivo proprietario, costituisce violazione del copyright.


IN EVIDENZA

Assistenza col cuore

Progetto "Ausilio" - Consegna spesa e farmici a domicilio

EVENTI
CAMINADA DE SAN GIUSEPPE

38° EDIZIONE 19 MARZO 2017 ORE 9.30

35° Edizione 23 marzo 2014: partenza (video)

PASSIONE E MORTE DI GESÙ

XI EDIZIONE 8 APRILE 2017 ORE 21.00 PARCO DEL VENTAGLIO

6° Edizione 1 aprile 2012 (video e foto)

4° Edizione 2 aprile 2010 (video)

PALIO DI SAN FLORIANO


XXII EDIZIONE 4-5-6-7 MAGGIO 2017 Programma


"Un momento magico da tramandare ai posteri" (video)

2015: Siamo Entrati nella Storia (video) - Pre Palio (video) - Collaborazioni (video) - Presentazione II (video) - L'attesa (video) - Presentazione I (video) - Gruppo Armati (video) - Sta arrivando (video)

2014: Esibizione sbandieratori (video) - Combattimento Armati (video) - Sta Arrivando! (video)

2013: Esibizione sbandieratori (video) - Esibizione tamburini I e II (video)

2012: Sfilata corte storico (video) - Esibizione tamburini (video)

2011: Sfilata corteo storico (video)

  2010: Giochi pirotecnici (video) - Sfilata corte storico (video)

  2007: Il Palio (video) - Sfilata corteo storico (video: parte 1, parte 2)

FIERE DI SAN SETTIMIO

22-25 SETTEMBRE 2016